Pubblicato il: 18dicembre2018

L’Arte della tavola. I consigli per una mise en place perfetta

Come apparecchiare la tavola per stupire i clienti? La cura dei dettagli e l’originalità sono due aspetti fondamentali che aiutano a rendere unica l’esperienza dei propri ospiti e a valorizzare l’offerta culinaria. Studiare e realizzare il set up della tavola che più si adatta allo stile della propria struttura può contribuire a rendere quest’arte un tratto distintivo, un elemento che differenzia la nostra attività da quella dei concorrenti.

Ci sono delle regole di base che i gestori di hotel e ristoranti sono tenuti a seguire per poter disporre in maniera corretta tutti i singoli oggetti in tavola. Si tratta di soluzioni che anche il galateo consiglia di mettere in pratica e che gli stessi clienti si aspettano di trovare. Ma oltre alle buone prassi sulla disposizione di stoviglie, piatti e bicchieri, risulta importante anche quel tocco di creatività con cui viene curata la tavola e che ha come scopo quello di stimolare piacevolmente i nostri ospiti. Davanti ad una tavola ben apparecchiata, il cliente sarà pronto a vivere un’esperienza indimenticabile, in cui il gusto non sarà l’unico senso coinvolto. La scelta di tessuti pratici ed eleganti, la combinazione di colori che meglio si sposano con lo stile della struttura, l’utilizzo di elementi naturali (fiori, piante, ecc..) e di complementi di design unici. Le soluzioni da adottare per allestire con gusto le tavole di hotel e ristoranti sono davvero tante. L’importante è riuscire a trasmettere uno stile personale ed omogeneo, evitando il sovraffollamento di oggetti, che potrebbe limitare i movimenti dei commensali.

A seconda dello stile della propria struttura, il set up della tavola può essere molto vario. I fattori da valutare per una mise en place perfetta sono tanti. Di sicuro quelli che vanno assolutamente considerati sono la tipologia della struttura ricettiva, la stagionalità, il tipo di menù offerto, l’intero arredamento. Inoltre, non bisogna trascurare la possibilità di adattare l’allestimento della tavola in base agli eventi che si svolgono nel proprio ristorante o hotel (serate a tema, matrimoni, festività natalizie, San Valentino, ecc…).

Uno stile minimale ed informale, dove ci si focalizza principalmente sulla scelta dei materiali, potrebbe essere una delle soluzioni da adottare, soprattutto se si mostra una particolare attenzione all’aspetto artigianale.

Molto apprezzato negli ultimi tempi è lo stile “industriale”, caratterizzato dall’utilizzo di qualche elemento vintage e di materiali di riuso. Cassette a listelli in legno per pane o come centrotavola, piatti e bicchieri in terracotta o ceramica colorata a tinte pastello, posate dall’effetto invecchiato.

Altre soluzioni che possono portare a risultati molto interessanti sono gli allestimenti realizzati partendo dal tipo di offerta culinaria proposta dalla struttura. Molto particolari, infatti, sono le mise en place che possono essere realizzate nei ristoranti indiani, esotici e orientali. L’utilizzo del bamboo, di ciotole di ogni forma e colore, di taglieri in ardesia e di bacchette, può arricchire le vostre tavole e affascinare i clienti.

Discorso a parte va fatto per gli allestimenti di tavoli da esterni. Per le strutture ricettive che hanno la possibilità di usufruire di ampi spazi all’aperto (si pensi agli agriturismi o a ristoranti e hotel situati fuori dal contesto urbano), molte sono le soluzioni papabili. L’ingrediente principale per ottenere degli ottimi risultati è la creatività. L’elemento naturale (fiori, piante, legno, ecc…) risulta essere sempre presente, colori tenui sia del tovagliato che delle decorazioni floreali, l’aggiunta di qualche piccolo dettaglio, come i sottopiatti in vimini o candele al profumo di lavanda, e il gioco è fatto.

Un’altra idea per realizzare allestimenti molto originali potrebbe essere quella di apparecchiare la tavola ispirandosi alla location in cui è situata la struttura. Per esempio, per un ristorante di montagna, sarebbe interessante utilizzare il legno come elemento principale unito a piante decorative tipiche delle zone (pigne, aghi di pino, ecc…).

Per strutture situate in località marittime, invece, si può spaziare con tanti dettagli che rimandano al tema del mare e delle spiagge. Partendo dal colore blu di base, possono essere inseriti vari elementi, come centrotavola composti da spugne e coralli, piatti a forma di pesce o conchiglia, tovagliato marinaresco, e molto altro ancora.

Infine, c’è chi predilige uno stile più classico e formale, composto da posate in acciaio, bicchieri e decanter in cristallo e piatti semplici in porcellana bianca e privi di loghi o marchi. In questo caso, anche le decorazioni saranno minimal, ma di sicuro di gran gusto. La scelta di questo stile caratterizza principalmente un ristorante che offre ai suoi ospiti una cucina gourmet, dove si preferisce dare ampio spazio alle creazioni dello chef.

FONTE: www.forniturealberghiereonline.it

Condividi